giovedì 23 luglio 2015

La slavina della Plassa non farà più paura.



Sono a buon punto i lavori, appaltati dall’Amministrazione Comunale di Oltre il Colle, relativi alla costruzione del paravalanghe in località Plassa.

L’opera era attesa da anni sia dai proprietari degli appartamenti, circa 140, costruiti una ventina di anni orsono, quando ancora funzionavano gli impianti di risalita per le piste di sci dell’Arera, sia dai gestori del “Camping Arera”, una delle attività turistiche della Conca ed anche dai gestori del Rifugio Capanna 2000, particolarmente frequentato anche nella stagione invernale dagli appassionati di sci alpinismo e di escursioni con le ciaspole.




Durante la stagione invernale, infatti, immancabile era l’Ordinanza Sindacale che vietava il transito di pedoni e di automobilisti diretti al parcheggio situato in prossimità del campeggio o alle numerose abitazioni di proprietà situate oltre la valletta interessata dalla slavina.



Nell’inverno del 2009 la valanga ostruì la valletta per lungo tempo e la Sindaca, in carica a quel tempo, si giustificò con la mancanza di fondi per pagare una ditta specializzata nella rimozione.
Due anni orsono dalla Giunta Regionale furono stanziati settecentomila euro per la costruzione del paravalanghe e all’inizio del corrente anno l’Amministrazione Comunale di Oltre il Colle, dopo aver provveduto alla stesura del Progetto e redatto il bando concernente l’appalto dei lavori ha dato il via alla loro esecuzione.



Allo stato dell’arte, il muraglione di contenimento a monte, lungo una sessantina di metri, è stato terminato e si sta provvedendo alla posa delle fondamenta per erigere il corrispettivo muraglione a valle. Conseguentemente l’intera opera dovrebbe essere completata e agibile entro il prossimo inverno. Una gradita notizia per coloro che per tanti anni hanno vissuto sotto l’incubo della “slavina della Plassa”.

Gallicus