venerdì 26 maggio 2017

Oltre il Colle al voto



Carrara corre da solo contro il "quorum".

 
Nel programma riapertura delle miniere, centro anziani e una scuola di sci di fondo.


Il senatore Valerio Carrara, attuale primo cittadino, é l'unico candidato alla carica di sindaco di Oltre il Colle. Unico ostacolo alla sua rielezione, quindi, sarà il raggiungimento del «quorum», ovvero che vada a votare almeno il 50 % più uno degli aventi diritto al voto.


Carrara, con i candidati consiglieri comunali, ha lavorato e dato vita a un programma che possa essere favorevole allo sviluppo del paese e al rilancio di numerose attività vallari nei prossimi cinque anni.


Quella di quest'anno é una lista giovane, che comprende persone con una certa esperienza, commercianti e imprenditori. Il sindaco li descrive «persone con una grande volontà di imparare e di creare qualcosa per il futuro». Insieme hanno ideato un programma a sei sezioni che spazia dall'urbanistica all'ambiente, dal turismo al piano lavorativo. Una particolare attenzione viene data però all'aspetto sociale.


Uno dei progetti più importanti é la riapertura dell'ex miniera di zinco, in collaborazione con Energia Minerals Italia. Una riapertura che consentirebbe di portare lavoro a 300-350 persone. «Uno degli obiettivi principali é quello di incrementare i posti di lavoro e permettere così a numerose famiglie e ragazzi di non andarsene da Oltre il Colle, ma poter rimanere e vivere di nuovo il paese» afferma il sindaco.


Per quanto riguarda lo sport è più in particolare lo sci di fondo, si punterà alla realizzazione di un impianto per l'innevamento programmato e sono in corso gli studi per la creazione di un'Accademia di fondo che non interessi semplicemente la stagione invernale, ma anche quella estiva.

 
Due progetti ambientali sono l'ampliamento della Cattedrale Vegetale con il contributo del Parco delle Orobie e l'agibilità di sentieri oggi non utilizzati e non, di passeggiare con sicurezza.

 
Altro obiettivo l'acquisizione di un immobile parrocchiale da utilizzare come centro per anziani. La popolazione del paese cresce sempre di più e l'Amministrazione comunale vuole quindi agire di conseguenza. Constatando le difficoltà derivanti dalla mancanza di «case di accoglienza» nelle vicinanze, si spera nella creazione di una struttura idonea per gli abitanti di Oltre il Colle.


Non mancheranno poi accordi con cooperative e collaborazioni con le associazioni. «Questi sono alcuni dei progetti e delle iniziative che la nuova lista si propone di realizzare e andranno a completare quanto fatto in questi anni».

 
Roberta Tiraboschi

L'Eco di Bergamo - 26 maggio 2017